Qualche cenno sull'argomento:

Pareva troppo bello che, sulla carta almeno, i Combaticon di Combiner Wars presentassero subito nella loro wave gli effettivi membri originali del gruppo G1, laddove, sappiamo bene, i gruppi precedenti hanno avuto, per questa o quell’altra ragione, un “intruso”, o meglio, un nuovo membro a sostituire uno degli storici ( Alpha Bravo al posto di Slingshot negli Aerialbot, Offroad invece che Wildrider per i Stunticon, eccetera )…

E invece l’inghippo c’è stato comunque, poichè Blast Off in questa moderna incarnazione ha dovuto rinuciare alla sua storica modalità alternativa di Space Shuttle in favore di un più comune caccia da combattimento, riciclato quindi da uno degli Aerialbot, ovvero quello Slingshot/Quickslinger saltato ma poi recuperato in un secondo tempo come esclusiva per negozi online, il cui corpo è lo stesso dell’altro Aerialbot Firefly ( Fireflight ).

Ma, al solito, cerchiamo di essere un minimo obiettivi dopo esserci stracciati le vesti per l’oltraggio subito, poichè effettivamente sì, ci si è sempre chiesti cosa c’entrava una navicella spaziale nel gruppo di mezzi militari dei Combaticon, e così come è stata la riduzione da Deluxe a Legends per Groove nei Protectobot per motivi di scala, qui han preso la palla al balzo di poter riciclare lo stampo di un Aerialbot e poterlo rifilare tranquillamente nel gruppo senza sbattersi troppo.

Di mio, già come per Groove, apprezzo l’idea del jet al posto dello Shuttle, ma a differenza di come succeso per Groove, mancano gli stessi suoi due punti principali di apprezzamento: il fatto che comunque era uno stampo nuovo, e che poi hanno concesso l’alternativa più fedele all’originale.

Riguardo allo stampo non nuovo, abbiamo detto che è un semplice repaint di Quickslinger, e già ci si può chiedere come mai han scelto la testa di questo, senza mascherina ( anche qui ) iconica, invece di quella di Firefly… ma forse semplicemente dipende dalla forma della testa, più simile con le “pareti” laterali della testa, e col visore. La parte scoperta della faccia poi è colorata di nero, il che non è male, e nel contesto del nuovo alt mode, può anche starci una faccia nuova ( nei fumetti IDW hanno ovviato alla cosa mostrando la mascherina a scomparsa per il personaggio ).

Per il resto, la colorazione, nella sua semplicità di essere tutto marrone col petto viola e cosce viola, e tocchi di nero su torso, pugni e piedi è azzecatissima ed evocativa del giocattolo G1, con colpi di inedito giallo su ginocchia e lato destro del petto, e quasi si fa perdonare l’assenza dello shuttle o comunque di essere un semplice repaint.

Magari nel jet, invece, la colorazione essenziale non valorizza troppo, dato che sì c’è il cockpit rosa, ma non avrebbero guastato le ali nere appunto come il G1, o almeno gli alettoni posteriori, dato che appunto le ali dello shuttle partono notoriamente dal fondo… anche se a guardar bene le ali hanno un contorno nero, così come le strisce viola e sull’alettone verticale c’è il simbolo Decepticon da entrambi i lati, quindi il velivolo G1 è citato bene, alla fine…

Eh sì perchè, dai, va bene anche il jet, ma è un peccato che non venga almeno citata la trasformazione del G1, con le braccia che si proiettano in alto e divengono il muso del velivolo, e qui quel movimento delle spalle è possibilissimo… ma vabbè, tanto ci ha pensato Takara a risolvere rifacendo da capo uno stampo tutto nuovo che diventa una sorta di navicella spaziale che ricorda il G1.

Ma per quanto sia interessante e simile a come appariva Exploder nei cartoni, col muso dello shuttle sul petto e i reattori come piedi, sempre a mio avviso il voler inseguire la colorazione dello show lo ha reso un po’ troppo arlecchinesco, con un marrone troppo chiaro in mezzo al nero e al viola.

 

E per questo motivo che non sono così scontento, quindi, di questo semplice repaint di Vertic, dopo tutto. Certo, come dicevo sopra, manca però il poter scegliere l’alternativa, ovvero il fatto che questa volta Hasbro non ha venduto a parte il Blast Off di Takara, così com’è stato per Groove.

Per dovere di completezza, quindi, non mi farebbe schifo se prima o poi Hasbro mettesse in commercio il Blast Off versione shuttle, e già che c’è, se gli da una colorata com’è suo stile mi farebbe doppiamente felice, poichè, per quanto bisogna accontentarsi di certe scelte come questo semplice repaint o anche le due pale invece che quattro di Vortex, nel complesso la colorazione di questi Combaticon più vicina ai giocattoli che al cartone mi aggrada decisamente, e appunto mi indora la pillola di questo Exploder pensato magari svogliatamente ma almeno presentato bene.