Testo di FlorenceRC,  JazzLuca

Supervisione di JazzLuca

  • Blackarachnia 

 

Chi fa il nome di Blackarachnia di solito pensa a una velenosa “Donna Ragno” dalla lealtà ambigua: colei che più di vent’anni fa era nota in Italia col semplice nome di Arachnia nella nostrana versione  di Beast wars,  Biocombat, nasce appunto come protoforma Maximal corrotta dal Predacon doppiogiochista Tarantulas per farne una sua pedina, ma da subito la fembot di ribella al giogo impostole, lottando per la sua indipendenza dal collega  aracnide così come da Megatron e perseguendo una sua personale agenda.

BA_Silverbolt_Agenda3

Ma tutti questi “cattivi propositi” vengono mitigati dall’incontro col rivale Maximal Silverbolt, e fra i due scocca la scintilla, che porterà la dark lady ad unirisi alla banda di Optimus Primal, pur non rinunciando al suo essere Predacon, salvo poi evolversi in un nuovo e più potente corpo Transmetal 2 e scegliendo infine di divenire una Maximal a tutti gli effetti.

ba1b

Sopravvissuta alle Guerre Bestiali, di ritorno su Cybertron si ritrova reietta e perseguitata insieme a Primal, Cheetor e Rattrap dalle truppe Vehicon di Megatron, ora padrone assoluto del pianeta. Perse tutte le caratteristiche di dark lady della serie precedente, in Beast Machine la maggior preoccupazione di B.A. è quella di ritrovare il suo amore perduto Silverbolt, “reincarnato” in un generale Vehicon: inizialmente convinta sia nel corpo di Thrust ( che in realtà nasconde la scintilla di Waspinator ), la nostra eroina riesce infine a liberare Silverbolt dalla programmazione della personalità di Storm Jet, ma il suo amato risulterà anch’esso cambiato dal periodo vissuto come spietato accolito di Megatron.

BA animated

Questa Fembot aracnide, dal caratteristico alt mode di vedova nera, non è apparsa in altre iterazioni all’infuori della Beast Era e di Animated, eppure il personaggio in sé ha conquistato i cuori di moltissimi fan per la sua caleidoscopica personalità: sensuale ma letale al punto giusto, tratti successivamente riprodotti fedelmente nella successiva incarnazione in Animated.

 

ariel ba animated

Nella serie di Derrick J. Wyatt infatti recupera la sua caratterizzazione di dark lady, la spiccata indipendenza, il talento per le arti marziali e, se vogliamo, l’abitudine di intrattenere rapporti emotivi con guerrieri della fazione opposta, venendo fusa con un altro storico personaggio di cui abbiamo già parlato : Elita One infatti qui è un’amica dei cadetti Optimus e Sentinel, ma a causa di un incidente in un pianeta popolato da ragni giganteschi, viene lì abbandonata dai due ad un tragico destino, cui sopravvive solo grazie al suo potere speciale di replicare le abilità altrui, divenendo un ibrido tecnorganico ragnesco.

La novella Black Arachnia si unisce quindi ai Decepticon, sia per vendicarsi dell’amato / odiato Optimus, responsabile a suo dire della sua condizione, sia per poter riuscire a liberarsi appunto della sua parte organica che la etichetta come una reitta nella società cybertroniana.

3949044-1172705360-airac
Potrebbe sembrare una follia ma, come spesso accade tra i fan dei Transformers più giovani, molti di essi scambiano Blackarachnia con un’altra Fembot simile tanto nello schema cromatico quanto nel nome, sebbene le due non siano esattamente lo stesso personaggio: stiamo parlando di Airachnid, la spietata cacciatrice di trofei della serie Prime. In questo caso, gli autori hanno spiegato di aver voluto evitare riferimenti diretti per dare forma a una figura più squisitamente malvagia: ripetiamo, infatti, che in tutte le sue incarnazioni Blackarachnia è un personaggio borderline, sospeso quindi fra Bene e Male e fra le fazioni degli Autobot e dei Decepticon. Comunque, se vogliamo cercare un parallelo fra Airachnid e la sua antesignana aracnide, possiamo trovarlo nella sua propensione a lavorare in proprio.

blame tarantulas 2

Nel corso degli anni, Blackarachnia ha avuto diversi modellini, anche se il suo esordio nella toyline di Beast Wars non è stato roseo: viene, infatti, al mondo come un repaint del Deluxe Tarantulas del 1996/1997, quindi per nulla somigliante alla controparte animata;  bisognerà attendere il 1999 per l’uscita della sua versione Transmetal2,  di classe Mega, perché il pubblico potesse avere fra le mani l’adorata Donna Ragno con una decente parvenza di femminilità ( ed è purein assoluto il primo giocattolo del brand dei Transformers a mostrare effettive fattezze femminili ). Femminilità che si ripresenta in modo netto nel Deluxe Beast Machines dell’anno seguente, il cui stampo verrà riutilizzato per la Universe Blackarachnia del 2003 e, subito dopo nel 2004, per un modello più cromaticamente fedele alla controparte animata per la linea Takara Beast Wars Returns.

reduced-image_10602_106

Ma il salto di qualità arriva nella linea Animated, proponendo un Deluxe a dir poco sublime, fedelissimo al cartone tanto in forma robotica quanto in alt mode, nonostante il difetto delle mani della robot non perfettamente camuffate sotto le zampe anteriori della vedova nera. Questo modello, comunque, è stato di recente riutilizzato per la linea Legends della Takara, per rimodellarlo a immagine e somiglianza dell’originale Blackarachnia della Beast Era e forse migliore del “vecchio” modellino di vent’anni fa.
Anche la sua “sorella minore” Airachnid è stata riprodotta in un modellino per la linea Prime, ma i risultati sono stati tali da scatenare più pollici in giù che applausi: il Deluxe Robots in Disguise aveva armi e forma robotica neanche lontanamente vicini alla controparte del cartone, mentre il Cyberverse Beast Hunters, seppur minuscolo, era addirittura una versione superdeformed del personaggio in sé.

 

Fine quarta parte